Insegnate a vostro figlio l’arte della felicità

14 giugno 2018

Come si insegna l’arte della felicità? Di cosa c’è bisogno per essere felici? Non c’è bisogno dei soldi e neanche delle cose materiali.  La felicità è molto più semplice di tutto ciò…  La felicità è un cammino. È il prodotto delle nostre abitudini mentali, emotive e fisiche. Queste abitudini innescano la chimica del corpo che determinerà il nostro livello di felicità.

È risaputo che ci sono persone più ottimiste di altre, ma probabilmente si tratta di una cosa innata, anche se magari anche i geni giocano un certo ruolo nel predisporre a uno stato d’animo più felice.  Buona parte dello stato d’animo delle persone è un’abitudine. E come ogni abitudine si può imparare.

Può apparire bizzarra l’idea che la felicità sia un’abitudine. Ma a mano a mano che i bambini crescono e diventano adulti, danno spesso per scontata l’abitudine di essere felici e e adottano quella di essere infelici.

È molto importante che noi, in quanto loro genitori, insegniamo ai bambini l’arte della felicità, ossia godere della vita, in ogni momento e a ogni passo che compiono.

Ma, come si fa ad aiutare i figli a sviluppare le abitudini che conducono alla felicità e che serviranno loro per vivere una vita molto più piena e gioiosa?

Come si insegna l’arte della felicità?

Aiutateli a sviluppare abitudini costruttive

Insegnare ai figli ad avere abitudini costruttive per gestire i loro pensieri è un modo di creare felicità. Come si trasmettono queste abitudini costruttive? Tenendo conto dei seguenti fattori e dando l’esempio:

  • La gestione delle emozioni.
  • La gestione dello stato d’animo.
  • Avere una conversazione positiva.
  • Imparare a coltivare l’ottimismo.
  • Mettere in pratica la gratitudine.
  • Imparare l’empatia e l’assertività.
L'arte della felicità si insegna godendo delle piccole cose che la vita quotidiana offre

Coltivate il divertimento

Uno dei modi per insegnare l’arte della felicità è ridere. Ridere è la migliore medicina per l’anima. Davvero! Più ridiamo più siamo felici. Ridere può modificare la chimica del cervello e del corpo. Il sorriso è uno strumento meraviglioso che ci rende felici anche quando mancano le forze. Avete mai fatto caso che i bambini ridono in continuazione?

Abituateli a prendersi cura di sé e del proprio benessere

I bambini devono diventare consapevoli che se imparano a prendersi cura di sé senza dipendere dagli altri si sentiranno molto felici e soddisfatti. Un’attività fisica regolare, un’alimentazione sana e persino la pratica della meditazione (prima in famiglia) sono fattori che rivestono un ruolo chiave nell’insegnare l’arte della felicità. Ma se voi e i vostri figli avete altre strategie come per esempio ascoltare la musica, stare a contatto con la natura o passeggiare per sentirsi bene… ben venga!

L'arte della felicità si impara. Come? Sorridendo, per esempio.

Parlate in maniera positiva

Per godere dell’arte della  felicità è necessario che noi genitori insegniamo ai figli a parlare in maniera positiva. Questo tipo di conversazioni interiori li aiuteranno a vedere il lato bello delle cose e a superare gli ostacoli della vita.

Una persona felice deve essere capace di riconoscere se stessa e di sapere che può fare qualsiasi cosa si proponga. Anche se richiede un certo sforzo.

Trovate la felicità nelle piccole cose

I bambini godono delle piccole cose della vita di tutti i giorni. Bisogna solo vederli godere in ogni istante di qualsiasi cosa. La vita quotidiana può essere una delle cose più gioiose solo godendo delle piccole cose.

Lo spettacolo di un tramonto non smette di essere meraviglioso per il semplice fatto che si ripete ogni giorno.  I bambini sono capaci di godere di tutte queste semplici cose. Ed è proprio questa capacità che non si deve perdere. Devono crescere sapendo trovare la felicità nelle piccole cose: la gioia di leggere un nuovo libro, di abbracciare la nonna, di passeggiare nel parco….

È necessario che i bambini capiscano che essere grati e fare cose per gli altri è un altro modo di coltivare la felicità. Che la felicità non si può comprare né con il denaro né con le cose materiali. Perché la felicità è un modo di godere della vita in ogni istante con le persone amate o che sono nel nostro cuore. E voi? Come insegnate l’arte della felicità ai vostri figli?

Guarda anche