Carenza di vitamina D in gravidanza e sue conseguenze

Sapevate che soffrire di carenza di vitamina D in gravidanza provoca danni al feto e alla madre? Analizziamo le conseguenze.
Carenza di vitamina D in gravidanza e sue conseguenze
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 24 dicembre, 2022

Mantenere i livelli dei nutrienti entro intervalli ottimali è essenziale durante tutte le fasi della vita. Tuttavia, soffrire di deficit in determinati momenti può essere particolarmente dannoso. Pertanto, vi diremo quali sono le conseguenze di una carenza di vitamina D in gravidanza.

Innanzitutto bisogna tenere conto che questo nutriente possiamo ottenerlo attraverso la dieta, sebbene vi sia anche una produzione endogena che dipende dalla luce solare.

Queste sono le possibili conseguenze della carenza di vitamina D in gravidanza

La cosa migliore per garantire il fabbisogno di vitamina D è esporsi regolarmente al sole, anche se possiamo assorbirla anche attraverso alcuni alimenti. Eppure, una carenza di questo nutriente potrebbe causare le conseguenze descritte di seguito.

Basso peso alla nascita

Una delle prime conseguenze della carenza di vitamina D in gravidanza è un basso peso alla nascita del bambino. Secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health questo nutriente è essenziale per un buon sviluppo muscolare e osseo.

Parto prematuro e carenza di vitamina D

È necessario assicurare il regolare apporto di questo nutriente per garantire che la crescita del feto sia adeguata durante le settimane di gestazione. Anche il travaglio prematuro potrebbe essere un problema, se i livelli di nutrienti non sono adeguati.

Oltre ad esporsi alla luce solare, è consigliabile inserire nella dieta pesce azzurro, uova e latticini arricchiti. Anche assumere integratori può essere utile per correggere i deficit. Tuttavia, l’assunzione deve essere programmata e supervisionata da uno specialista.

Una delle conseguenze della carenza di vitamina D è un aumento del rischio di sviluppare il diabete gestazionale. Inoltre, nel bambino potrebbero manifestarsi alterazioni neurologiche.

Sviluppo del diabete gestazionale

Un’altra conseguenza dei bassi livelli di vitamina D può essere un aumento del rischio di sviluppare il diabete gestazionale, così come altri disturbi legati al metabolismo della madre. Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Critical Reviews in Food Science and Nutrition.  

Alterazioni neurologiche nel bambino

Inoltre, nel bambino possono verificarsi alterazioni neurologiche e un aumento del rischio di sviluppare malattie autoimmuni. Molte patologie infiammatorie sono legate a livelli adeguati del nutriente, quindi è opportuno assicurarsi che il fabbisogno venga soddisfatto durante tutte le fasi della vita.

È necessario integrare la vitamina D durante la gravidanza?

Una domanda frequente ha a che fare con la necessità di inserire un integratore di vitamina D nel regime nutrizionale durante il periodo di gestazione. La verità è che il modo migliore per garantire che le esigenze del nutriente siano soddisfatte è attraverso l’esposizione alla luce solare frequente.

È una vitamina liposolubile, quindi ci sono depositi nel corpo che vengono mantenuti a medio termine. Pertanto, è fondamentale garantire che durante i periodi di maggiore luce diurna, la radiazione ultravioletta venga prelevata regolarmente. In ogni caso è necessario mantenere determinate abitudini per proteggere la pelle.

Tuttavia, se si rileva che i livelli sierici di vitamina D sono carenti, è meglio optare per l’integrazione. Raggiungere un buono stato di questo nutriente attraverso il solo cibo potrebbe essere difficile. Anche, non è sempre possibile aumentare la quantità di sole ricevuta. Pertanto, puoi optare per un integratore alimentare che corregga il problema.

Con questa strategia si evitano alterazioni legate allo sviluppo del feto, mentre si migliora la salute della madre. Bisogna tener conto che la vitamina interviene nella fissazione del calcio nelle ossa e nel suo assorbimento a livello intestinale. Mantenere una situazione di deficit potrebbe significare un maggior rischio di osteoporosi per le donne.

Carenza di vitamina D in gravidanza.
Alimenti come salmone, caviale, formaggio o uova contengono vitamina D. Tuttavia, se i livelli del nutriente sono carenti, è possibile utilizzare l’integrazione.

È essenziale prevenire la carenza di vitamina D in gravidanza

Come discusso, è fondamentale evitare la carenza di vitamina D in gravidanza. Questo nutriente ha molte funzioni all’interno del corpo. Ad esempio, funge da protezione per la salute delle ossa e garantisce anche un corretto sviluppo muscolare. Inoltre, ha effetti sullo sviluppo nervoso e sui livelli infiammatori.

A medio termine, una carenza di nutrienti è correlata a un maggior rischio di sviluppare patologie complesse.

Per quanto il periodo di gestazione sia limitato, sperimentarne un apporto inadeguato condiziona negativamente la salute del feto provocando alterazioni nella sua crescita. Affinché questa condizione non si verifichi, bisognerà monitorare i livelli del nutriente, oltre a garantire una frequente esposizione al sole.

Potrebbe interessarti ...
L’importanza della vitamina D nei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
L’importanza della vitamina D nei bambini

Il bambino è in costante crescita, sia a livello fisico che cognitivo. Pertanto informiamo la mamma dell'importanza della vitamina D.



  • Pilz, S., Zittermann, A., Obeid, R., Hahn, A., Pludowski, P., Trummer, C., Lerchbaum, E., Pérez-López, F. R., Karras, S. N., & März, W. (2018). The Role of Vitamin D in Fertility and during Pregnancy and Lactation: A Review of Clinical Data. International journal of environmental research and public health15(10), 2241. https://doi.org/10.3390/ijerph15102241
  • Agarwal, S., Kovilam, O., & Agrawal, D. K. (2018). Vitamin D and its impact on maternal-fetal outcomes in pregnancy: A critical review. Critical reviews in food science and nutrition58(5), 755–769. https://doi.org/10.1080/10408398.2016.1220915

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.