Domande sui pidocchi: le 10 più diffuse tra i genitori

I pidocchi sono uno dei motivi per cui spesso ci si rivolge al pediatra. Gli aspetti che più preoccupano i genitori sono tanti, dal contagio alle cure. Vediamoli insieme.
Domande sui pidocchi: le 10 più diffuse tra i genitori

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2021

Sebbene i pidocchi siano più comuni nei bambini possono colpire anche negli adulti. Inoltre, le manifestazioni della pediculosi possono variare da persona a persona. Vediamo le domande sui pidocchi più diffuse.

Quando si rivolgono al pediatra, i genitori espongono diversi dubbi sull’argomento e che sono poi i 10 dubbi più comuni. Non perdeteveli!

1. Domande sui pidocchi: cosa sono?

I pidocchi sono parassiti che dipendono dagli esseri umani per vivere. Trascorrono il loro intero ciclo di vita nel nostro corpo e, a seconda della zona in cui colpiscono, si differenziano in tre tipologie:

  • Pediculus humanus capitis (o pidocchio del capo).
  • Pthirus pubis (noto anche come granchi o pidocchio pubico).
  • Pediculus humanus (o pidocchio del corpo).

I pidocchi della testa e del corpo sono lunghi da 2 a 4 millimetri, mentre i pidocchi pubici sono molto più corti.

2. I pidocchi volano o saltano?

I pidocchi non possono saltare o volare e quindi, per essere trasmessi è necessario un contatto ravvicinato. Questi parassiti hanno artigli che consentono loro di aderire facilmente alle ciocche di capelli e di spostarsi rapidamente da un luogo all’altro.

Pidocchi al microscopio.

3. Domande sui pidocchi: colpiscono più le ragazze o i ragazzi?

In generale, i focolai di pidocchi colpiscono i bambini di età compresa tra 3 e 12 anni, più spesso nelle ragazze. In effetti, le piccole epidemie tendono a svilupparsi negli ambienti scolastici, perché lì si verificano i contatti sociali più stretti.

Il punto prediletto dai pidocchi è la regione occipitale e l’area retroauricolare, poiché sono le aree più calde del cuoio capelluto.

4. Perché i pidocchi causano prurito?

L’infestazione da pidocchi si manifesta con prurito intenso e, nella maggior parte dei casi, questo genera una reazione di ipersensibilità. I sintomi possono comparire da 2 a 6 settimane dopo l’infezione.

Il prurito è una reazione del corpo alla saliva del pidocchio e l’intensità di questa sensazione dipende dalla sensibilità di ogni persona.

È importante sapere che il graffio permanente, oltre ad essere fastidioso, può portare a un’infezione batterica secondaria dovuta alla superinfezione delle lesioni provocate dal parassita.

Di conseguenza, i pidocchi possono essere associati ad alcune complicazioni più gravi, come la piodermite o l’impetigine.

5. Come vengono trasmessi questi parassiti?

I pidocchi sono altamente contagiosi e si diffondono tipicamente rapidamente da un bambino all’altro. Inoltre, è comune che i conviventi lo acquisiscano, indipendentemente dalla loro età.

Sebbene esista il contagio per contatto diretto testa a testa, si verifica generalmente dopo aver condiviso cappelli, pettini, accessori per capelli o asciugamani.

I contagi si verificano più spesso nei mesi caldi dell’anno, in zone dove c’è un alto livello di umidità (piscine, spogliatoi, tra gli altri).

6. Come vengono rimossi i pidocchi?

I pediculicidi topici sono considerati i trattamenti di prima linea, in particolare piretroidi, lindano, ivermectina topica e malathion.

Il piretroide topico più noto è la permetrina all’1%. Tuttavia, il parassita ha sviluppato un’elevata resistenza a questo farmaco negli ultimi anni.

Un altro metodo di rimozione molto efficace è l’uso del pettine fine sui capelli bagnati, poiché con questo elemento è possibile rimuovere i pidocchi e le lendini trattenuti alla base dei capelli.

7. Domande sui pidocchi: i rimedi naturali o casalinghi sono efficaci?

La stragrande maggioranza dei rimedi casalinghi non garantisce la morte dei pidocchi o la dispersione dei lendini e non esiste alcuna evidenza scientifica a supporto della loro efficacia.

Sebbene si creda che alcuni oli essenziali o addirittura la maionese funzionino per eliminare pidocchi e lendini, l’uso di questi prodotti è sconsigliato.

8. La mancanza di igiene causa pediculosi?

Nonostante i pregiudizi, la pediculosi non è indice di scarsa igiene del bambino. Secondo una pubblicazione dell’Associazione spagnola di pediatria, un’igiene meticolosa delle persone non impedisce l’infestazione da pidocchi.

9. Il trattamento deve essere ripetuto?

Nella maggior parte dei casi è necessario un secondo trattamento per eliminare completamente i parassiti. Pertanto, si consiglia di ripeterlo a distanza di 7-10 giorni dal primo.

Ogni volta che si utilizzano prodotti pediculicidi, questi devono essere accompagnati dalla rimozione manuale (o con un pettine fine) di pidocchi e lendini.

Domande sui pidocchi.

10. Domande sui pidocchi: esistono metodi per prevenire l’infestazione?

Per prevenire nuove infezioni, si consiglia di lavare tutti gli indumenti e la biancheria da letto utilizzati nei giorni precedenti il trattamento. Sarebbe opportuno lavare tutto con acqua molto calda o stirare i tessuti dopo che si siano asciugati.

Inoltre, gli oggetti che non possono essere risciacquati devono essere riposti in un sacchetto ermetico per 2 settimane. Infine, si consiglia di passare l’aspirapolvere su mobili, tappezzeria e tappeti della casa.

I pidocchi sono più di un semplice problema estetico

Sebbene i pidocchi siano una condizione fastidiosa, non trasmettono alcuna malattia né sono pericolosi per la salute dei bambini. In ogni caso, di fronte al prurito del cuoio capelluto, è necessario capire se si verifica per questa causa o meno.

I pediculicidi da banco abbondano sul mercato, ma in generale i pidocchi hanno già sviluppato una resistenza nei loro confronti. Per questo motivo si consiglia di rivolgersi a un medico specialista per intraprendere il trattamento più efficace e appropriato per il bambino.

Potrebbe interessarti ...

Come evitare i pidocchi: 7 consigli fondamentali
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come evitare i pidocchi: 7 consigli fondamentali

Tra le tante anche alcune decisamente poco piacevoli come i pidocchi. Oggi vi suggeriamo 7 consigli per evitare i pidocchi nei più piccoli.



  • Bragg BN, Simon LV. Pediculosis. 2020 Nov 20. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan–. PMID: 29262055.
  • Meister L, Ochsendorf F. Head Lice. Dtsch Arztebl Int. 2016;113(45):763-772. doi:10.3238/arztebl.2016.0763
  • Ko CJ, Elston DM. Pediculosis. J Am Acad Dermatol. 2004 Jan;50(1):1-12; quiz 13-4. doi: 10.1016/s0190-9622(03)02729-4. PMID: 14699358.
  • Gairí Tahull JM, Molina Morales V, Moraga Llop FA, Viñallonga Sardá X, Baselda Torres E. Pediculosis de la cabeza. Revisión del año 2006. En: Protocolos de la Asociación Española de Pediatría [consultado en 08/2021]. Disponible en: https://www.aeped.es/sites/default/files/documentos/pediculosis.pdf
  • Giardelli M, Larralde de Luna M. Pediculosis y escabiosis. Comité Nacional de Dermatología Pediátrica. Archivos argentinos de pediatría, 2001; 99(1). Disponible en: https://www.sap.org.ar/docs/publicaciones/archivosarg/2001/01_68_74.pdf