I bambini possono mangiare il sushi?

Il sushi è uno dei piatti più apprezzati al mondo, ma presenta un rischio microbiologico. Pertanto, vi diremo se i bambini possono consumarlo.
I bambini possono mangiare il sushi?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio, 2023

Il sushi è uno dei piatti orientali che ha guadagnato più seguaci in tutto il mondo. Ci sono tanti modi per prepararlo e varietà adatte a soddisfare tutti i gusti. Tuttavia, è una ricetta che presenta una certa pericolosità microbiologica. Pertanto, vi diremo se i bambini possono mangiarlo.

La prima cosa da tenere a mente è che questo piatto esotico non dovrebbe essere consumato durante la gravidanza. Il pesce crudo potrebbe concentrare al suo interno microrganismi che mettono a rischio la sopravvivenza del feto. Un’intossicazione alimentare in questo contesto è considerata particolarmente pericolosa.

A che età i bambini possono mangiare il sushi?

È importante attendere che il sistema immunitario dei bambini sia completamente sviluppato in modo che possano includere il sushi nella loro dieta. In caso contrario, potrebbero subire un’infezione da parte di microrganismi che potrebbero causare gravi danni. Si calcola che a partire dai 5 anni di vita i meccanismi di difesa del bambino siano perfettamente funzionanti, quindi in questo periodo si può provare il sushi a base di pesce crudo. Prima di tale data, sarà necessario ricorrere alle modalità senza pesce se si vuole offrire questo tipo di preparazione ai più piccoli.

Allo stesso tempo, bisogna tener conto che il sushi viene solitamente servito con una pasta dal sapore eccessivamente piccante, che è il wasabi. Questo integratore è sconsigliato anche ai bambini, in quanto potrebbe causare irritazione e bruciore alle narici. Questo è un prodotto troppo forte per prendere presto nella vita.

Il sushi contiene vitamine, minerali e acidi grassi della serie omega-3, per questo contribuisce a migliorare la salute cardiovascolare e a prevenire alcune patologie.

Benefici del sushi

Pur essendo un piatto delicato dal punto di vista dell’igiene alimentare, il sushi presenta alcuni benefici per la salute se introdotto nell’ambito di una dieta equilibrata e varia. Ovviamente vanno evitate le versioni fritte e in pastella, poiché in questo caso si possono accumulare acidi grassi trans.

Migliora la salute cardiovascolare

Normalmente, il sushi è fatto con pesce azzurro. Questo prodotto ha un’alta concentrazione di acidi grassi della serie omega-3 al suo interno. Questi elementi hanno dimostrato di essere benefici per la salute cardiovascolare grazie al loro effetto antinfiammatorio. In questo senso, riducono il rischio di sperimentare l’aterosclerosi.

Previene le patologie della ghiandola tiroidea

Per garantire il corretto funzionamento della ghiandola tiroidea, è necessario assicurarsi che l’apporto dietetico di ferro e iodio sia corretto. Ciò è evidenziato da una ricerca pubblicata sulla rivista Biological Trace Element Research. Bisogna tener conto che se l’apporto di iodio non è sufficiente, si potrebbe sviluppare una situazione di ipotiroidismo che influisce sul metabolismo e sullo stato della composizione corporea.

Fornisce energia di qualità

L’elemento centrale del sushi, oltre al pesce, è il riso. Questo prodotto è una fonte di carboidrati di alta qualità con un basso indice glicemico. Per questo è magnifico far sì che i livelli di energia rimangano alti, cosa assolutamente determinante nella popolazione che svolge attività fisica con frequenza.

Tuberi, legumi e riso, infatti, sono le migliori fonti di carboidrati nella dieta. Per questo motivo sono sempre un’opzione preferibile alla pasta, poiché queste hanno farine molto raffinate che hanno un impatto significativo sui livelli di glucosio nel sangue. A medio termine, potrebbero influire negativamente sulla funzione del metabolismo.

sushi
È meglio evitare di offrire il sushi ai bambini sotto i 5 anni, perché potrebbero soffrire di un’infezione da microrganismi. Un’altra opzione sarebbe quella di prepararlo senza pesce crudo, che può essere sostituito dal surimi.

Dai 5 anni i bambini possono mangiare sushi

Come abbiamo detto, è possibile iniziare a proporre il sushi ai bambini a partire dai 5 anni. Tuttavia, è meglio aspettare ancora un po’ per servire anche complementi piccanti, come il wasabi. Prima di questo momento, sarà meglio evitare piatti che contengano pesce crudo all’interno per ridurre il rischio di sviluppare un’infezione da microrganismi.

Ad ogni modo, pensa che il sushi accetta molte preparazioni diverse. Potete preparare il piatto senza pesce crudo all’interno e sostituirlo con surimi o qualche altro derivato delle proteine del pesce. In questi casi non ci sono problemi legati all’igiene alimentare che possano pregiudicare la salute del bambino, quindi si parlerebbe di un pasto assolutamente idoneo al consumo in qualsiasi fase della vita.

Potrebbe interessarti ...
Quando i bambini possono mangiare i frutti di mare?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Quando i bambini possono mangiare i frutti di mare?

I bambini non possono mangiare frutti di mare fino a quando non hanno due anni. In questo modo si previene lo sviluppo di allergie.



  • Innes, J. K., & Calder, P. C. (2020). Marine Omega-3 (N-3) Fatty Acids for Cardiovascular Health: An Update for 2020. International journal of molecular sciences21(4), 1362. https://doi.org/10.3390/ijms21041362
  • Luo, J., Hendryx, M., Dinh, P., & He, K. (2017). Association of Iodine and Iron with Thyroid Function. Biological trace element research179(1), 38–44. https://doi.org/10.1007/s12011-017-0954-x

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.