Mi sento sola: sono l'unica madre nel mio gruppo di amici

La sensazione di solitudine è molto comune durante la gravidanza e durante le prime fasi della maternità. Se pensi "mi sento sola" è perché siete l'unica madre nel vostro gruppo di amici e questa sensazione sembra intensificarsi.
Mi sento sola: sono l'unica madre nel mio gruppo di amici

Ultimo aggiornamento: 25 novembre, 2022

Diventare mamma è un’esperienza che trasforma la vita. Capita di pensare: “mi sento sola”. Siamo ancora noi stessi, ma ora una piccola creatura dipende da noi. Ciò significa che le priorità cambiano. Almeno per i primi anni, nostro figlio ha accesso praticamente illimitato alle nostre mani e ai nostri occhi. Con enorme fatica ma con profondo amore, gli dedichiamo la maggior parte del nostro tempo.

Sappiamo che sia la gravidanza che la prima fase della maternità sono esperienze intense che comportano significativi cambiamenti emotivi e fisici. È allora che abbiamo più che mai bisogno del sostegno dei nostri cari. La vicinanza della nostra famiglia, partner o amici diventa essenziale. Ora, cosa succede quando siete l’unica madre nel vostro gruppo di amici? In questi casi, il sentimento di solitudine e di incomprensione di solito si presenta con fermezza.

Mi sento sola: sono l’unica madre in un gruppo di amici

Fortunatamente la rappresentazione culturale del concetto di maternità è cambiata molto negli ultimi anni. Molti immaginari sociali che aleggiavano in relazione alla maternità sono stati demistificati.

A cominciare dal fatto che se siete una donna, non dovete più essere una madre per realizzarvi come persona. Se non volete esserlo, non significa che siete egoiste, meno donne o che odiate i bambini.

Inoltre, oggi ci sono vari modi di assumere la maternità. Non dovete farlo necessariamente prima dei 30 anni. Queste realtà spiegano perché essere l’unica madre nel vostro gruppo di amici non è affatto una situazione sorprendente. Anche se può essere davvero dolorosa.

In campo socioculturale si sono verificati l’emergere di nuovi modelli, schemi, teorie ed elaborazioni culturali sulla maternità, la sessualità e le relazioni di coppia – Bringas, Á. S., Espinosa, S., Islas, SE, Ezcurdia, C., & Torres, E. –

“Mi sento sola: sento che i miei amici non mi capiscono”

Una volta madre, gli argomenti di conversazione sono tinti di pastello: allattamento, igiene, la cameretta del bambino che sta già gattonando, che si tiene la testa, ecc. Mentre i temi principali dei vostri amici di vecchia data potrebbero avere a che fare con i fine settimana, il lavoro o gli appuntamenti romantici.

Logicamente, i vostri interessi sono cambiati. Questo può farvi sentire incompresi dai vostri amici, il che vi rende ansiosi e preoccupati. Avete un’amara sensazione: sono in tono diverso.

Si annoiano ad ascoltarvi parlare delle avversità della maternità perché non si identificano con voi e voi avete smesso di preoccuparvi di essere al passo con la musica del momento.

È triste. Ma la verità è che gli eventi importanti della vita possono portarci a perdere le amicizie (e guadagnarne altre, ovviamente). Un trasloco, un cambio di lavoro, prendere la decisione di cambiare radicalmente il proprio stile di vita o avere un figlio.

In ognuno di questi casi la routine viene alterata. Si tratta di eventi significativi di crescita e apprendimento. E man mano che cresciamo, è naturale che ci lasciamo alle spalle certi legami.

Tuttavia, ci sono relazioni che si rafforzano negli anni, indipendentemente dal fatto che i percorsi continuino ad essere simili o meno. Altri collegamenti attraversano fasi diverse a seconda dei momenti della vita che ogni persona sta vivendo. Quello che voglio dire è che non c’è niente di scritto quando si tratta di determinare la durata di un’amicizia.

Anche se sentite di non avere più così tanti problemi in comune con i vostri amici, tenete presente che il legame con loro può aiutarvi a riconnettervi con il vostro aspetto più personale. Con la donna che siete ancora.

Incontrarli per un caffè o qualche birra può essere più prezioso di quanto non immaginate: vi sarà più facile staccare dalla routine – ora coperta da problemi di maternità – e così potrete schiarirvi le idee.

L’importanza di appartenere a un gruppo

È molto probabile che la notizia della gravidanza e del parto successivo portino ad un cambiamento delle vostre esigenze sociali. Le persone hanno bisogno di un gruppo di appartenenza per sentirsi al sicuro e accompagnate.

Identificarci con le persone che ci circondano influenza positivamente il nostro umore perché sappiamo di avere qualcuno che ci capisce. O perché hanno già vissuto la stessa esperienza o perché la stanno vivendo proprio ora.

Per questo, non privatevi di cercare nuove amicizie con persone che sono nella vostra stessa fase. La vita stessa vi porterà a stabilire legami con loro. La sala d’attesa dell’ufficio pediatrico di quartiere, l’asilo o il parco giochi sono luoghi ideali per entrare in contatto con altre famiglie con bambini piccoli.

Diventare madre e padre è, insomma, un importante passaggio personale e familiare che mette alla prova le risorse di coping degli adulti coinvolti, che tende ad associarsi ad un periodo particolarmente instabile e vulnerabile a livello individuale e interpersonale, e in cui, quindi, si generano importanti bisogni di sostegno per le persone che affrontano questa significativa esperienza di vita. – Hidalgo García, MV, & Menéndez Álvarez-Dardet, S –

Mi sento sola, ma posso trovare nuove amicizie

Avere un gruppo di cose calmerà le tue paure e ansie. L’accompagnamento tra madri (e padri) è fondamentale per percorrere il percorso della maternità, che spesso diventa confusa e inaspettata.

Non si tratta di sostituire il vostro gruppo iniziale di amici con uno nuovo. Ma piuttosto includere nella vostra cerchia nuove persone che possono darvi il supporto di cui avete bisogno in questo momento e quindi mitigare la sensazione di solitudine.

Potrebbe interessarti ...
Adolescenti che si sentono soli: cosa c’è dietro e come aiutarli?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Adolescenti che si sentono soli: cosa c’è dietro e come aiutarli?

Quando gli adolescenti si sentono soli, anche se hanno le labbra serrate, è importante contattarli per vedere come aiutarli.



  • Bringas, Á. S., Espinosa, S., Islas, S. E., Ezcurdia, C., & Torres, E. (2004). Nuevas maternidades o la desconstrucción de la maternidad en México. Debate Feminista30, 55–86. http://www.jstor.org/stable/42624831.
  • Hidalgo García, M. V., & Menéndez Álvarez-Dardet, S. (2009). Apoyo a las familias durante el proceso de transición a la maternidad y la paternidad. Familia: Revista de ciencias y orientación familiar, 38, 133-152.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.