Visite pediatriche durante il primo anno di vita del bambino

Il mestiere del genitore si impara nel tempo e non ci sono manuali per questo. Ecco perché è importante mantenere la routine delle visite pediatriche.
Visite pediatriche durante il primo anno di vita del bambino

Ultimo aggiornamento: 05 marzo, 2022

Le visite pediatriche per il bambino sono un importante strumento di prevenzione e promozione della sua salute. Soprattutto, lo sono quelle che si svolgono durante il primo anno della sua vita.

I cambiamenti fisici, neurologici ed emotivi che si verificano da 0 a 12 mesi sono immensi e della massima importanza. Anche, per molti aspetti dello sviluppo, questo periodo rappresenta una finestra unica nella vita:

Ciò che accadrà o non accadrà in questi mesi determinerà, in larga misura, il futuro del bambino.

Perché le visite pediatriche durante il primo anno di vita del bambino sono importanti?

Durante gli appuntamenti di routine del pediatra (o i controlli del bambino sano) vengono valutati la crescita, la maturazione e lo sviluppo del bambino. Inoltre, le caratteristiche dell’ambiente e il legame che si sta instaurando tra il bambino ei suoi principali caregiver.

“L’alimentazione, l’attività fisica, il sonno, la sicurezza e la crescita emotiva, sociale e fisica, nonché il benessere dei genitori, sono fondamentali per la salute di tutti i bambini”.

-Joseph Hagan, Paula Duncan-

Durante questi controlli si cerca di promuovere il benessere fisico ed emotivo dei bambini. Questo viene svolto attraverso quattro compiti fondamentali :

  1. Diagnosi precoce delle malattie dell’età pediatrica.
  2. Prevenzione delle malattie.
  3. Promozione della salute generale.
  4. Guida alla prevenzione.

Le prime due strategie si concentrano sull’assicurare che il bambino non si ammali e, se lo fa, evitare le sequele.

Ma gli ultimi due compiti enfatizzano la salute e il benessere della persona. Attraverso di loro, è possibile identificare quelle cose che vengono fatte correttamente e aiutare i genitori a ottimizzare le loro risorse di cura e genitorialità. Ciò rafforza il gruppo familiare e promuove l’assistenza all’infanzia incentrata sulla famiglia. (Hagan, 2016)

Che ruolo svolge il pediatra nel monitoraggio della salute del bambino?

Visita pediatrica.

Durante gli appuntamenti di routine del bambino, il pediatra fa un’osservazione diretta del bambino e integra queste informazioni con quelle fornite dai genitori.

Raccoglie informazioni rilevanti

Sia al primo che ai successivi appuntamenti, il pediatra chiede ai genitori la storia di salute e malattia del bambino (ad esempio la storia prenatale), nonché quella dei loro parenti più stretti.

In questo modo, il professionista cerca di determinare i fattori protettivi della salute ei fattori di rischio per la malattia.

Pratica un esame fisico completo

Si cerca di valutare ogni sistema del corpo del bambino al fine di determinare la corretta crescita e maturazione di tutti gli organi. È inclusa anche la misurazione del peso, dell’altezza e della circonferenza della testa.

Valuta lo sviluppo maturativo (o neurosviluppo) del bambino

Questo viene fatto osservando gli atteggiamenti spontanei del bambino, come il modo in cui interagisce con i suoi genitori. Vengono anche aggiunte alcune manovre dirette, come il controllo dei riflessi.

I test di screening o di screening dello sviluppo non vengono eseguiti in tutti i check-up sanitari. Questi sono praticati nei momenti migliori, in cui la loro efficacia è stata dimostrata. E mentre alcuni possono essere svolti nello stesso ufficio, richiedono formazione e materiali specifici.

Effettua interventi e guida i genitori nella cura dei figli

A volte i genitori hanno bisogno di consigli sulla genitorialità o sull’assistenza all’infanzia. Fa parte del lavoro del pediatra identificare le difficoltà dei genitori e offrire strumenti per risolverle.

Richiede studi diagnostici e prescrive eventuali terapie

Durante il primo anno di vita è necessario eseguire alcuni esami complementari per escludere malattie complesse e spesso invalidanti. Ad esempio, sordità congenita o malattie metaboliche.

Secondo le attuali raccomandazioni dell’American Academy of Pediatrics, durante il primo anno di vita del bambino sono indicati diversi test complementari.

Ogni quanto il bambino deve essere sottoposto a visite pediatriche?

Come accennato in precedenza, durante il primo anno di vita del bambino si verificano molti cambiamenti significativi. Inoltre, sia il bambino che i suoi genitori si adattano costantemente a una nuova vita e questo a volte richiede una guida professionale.

È conveniente mantenere una routine di controlli frequenti, in modo da non trascurare quelle questioni che possono essere risolte in modo tempestivo.

Secondo le raccomandazioni delle Associazioni di Pediatria, i controlli di routine dovrebbero essere organizzati come segue.

Prima settimana di vita

Questa consultazione è di grande importanza per stabilire il legame tra il pediatra e la famiglia. Gli argomenti da trattare sono diversi, tra i più importanti:

Inoltre verrà eseguito un primo ed approfondito esame fisico, compresi alcuni test di screening come la valutazione dell’udito.

Infine, sarà confermata l’applicazione dei vaccini corrispondenti alla nascita e saranno offerti consigli e raccomandazioni per la prevenzione e la promozione della salute.

Primo mese

In questo controllo è fondamentale valutare il legame tra il bambino e i suoi caregiver, così come i segni di tristezza o depressione post-partum. Prima della comparsa di uno di essi, sarà importante fornire alla famiglia l’assistenza necessaria.

Un altro compito importante di questo appuntamento è controllare i risultati del test del tallone.

Visite pediatriche del secondo, quarto e sesto mese

Neonato sulla bilancia.

Durante questi controlli, la norma è solitamente la calma e l’equilibrio delle famiglie. Dopo aver superato le prime settimane di adattamento, i genitori tendono ad essere più calmi, più fiduciosi, felici e anche più riposati.

Oltre all’esame obiettivo e agli argomenti trattati nei controlli precedenti, dal secondo mese di vita il pediatra può valutare meglio l’aspetto sociale ed emotivo del bambino.

L’interazione instaurata con il bambino facilita la valutazione delle diverse aree di sviluppo maturativo, che sono in piena espansione.

D’altra parte, è essenziale garantire le vaccinazioni e l’apporto di vitamine o minerali per prevenire l’anemia nel bambino. Inoltre, a partire dal sesto mese, nella maggior parte dei casi viene avviata l’alimentazione complementare.

Nono mese

Questo controllo è caratterizzato dalla preoccupazione dei genitori per i rischi domestici e dalle reazioni del bambino all’allontanamento dei genitori.

Poiché il bambino a questa età inizia a muoversi autonomamente, è opportuno rafforzare la prevenzione degli infortuni da cause esterne. D’altra parte, parla delle implicazioni dell’ansia dell’ottavo mese nello sviluppo psicosociale del bambino.

Visite pediatriche dal primo anno di vita in poi

A questo punto della vita, la maggior parte dei bambini ha un movimento autonomo, sebbene non cammini necessariamente da solo. Ciò implica non solo lo sviluppo motorio, ma anche la padronanza di alcune abilità emotive e sociali.

È necessario essere chiari che anche se ci allontaniamo dai nostri genitori di pochi passi, loro non ci abbandoneranno.

Durante questo controllo , l’importanza della prevenzione degli infortuni, delle vaccinazioni e di altre cure sanitarie continuerà ad essere rafforzata. Allo stesso modo, verranno fornite diverse linee guida per la promozione dello sviluppo e strumenti genitoriali per l’organizzazione del comportamento.

A proposito delle visite pediatriche durante il primo anno di vita

Poche cose sono gratificanti per un pediatra come guardare i propri pazienti crescere sani e in un ambiente di amore e rispetto.

Nessuno pensa che crescere un bambino non sia un compito facile, ma è possibile rivolgersi a professionisti che lavorano con i bambini ogni volta che è necessario.

La costanza dei controlli favorisce il rapporto tra medico e famiglia e quindi è fondamentale non perderne nessuno. Attraverso un rapporto di rispetto ed empatia, il pediatra diventerà il miglior alleato del clan.

Potrebbe interessarti ...

La nozione spaziale nei bambini: come e quando si sviluppa?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La nozione spaziale nei bambini: come e quando si sviluppa?

Lo sviluppo della nozione spaziale nei bambini condiziona la loro collocazione nell'ambiente e il modo in cui apprendono.