Stitichezza del bambino dai 6 mesi in su

La stitichezza è una condizione che può comparire dallo svezzamento. Vi diciamo cosa la provoca e come alleviarla, per offrire un maggiore conforto al piccolo.
Stitichezza del bambino dai 6 mesi in su
Leidy Mora Molina

Scritto e verificato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 07 dicembre, 2022

Quando inizia l’alimentazione complementare, intorno ai 6 mesi, la digestione del piccolo potrebbe rallentare un po’. Questo perché il corpo deve abituarsi alla digestione di nuovi alimenti. Di conseguenza, una fastidiosa stitichezza può svilupparsi temporaneamente.

Chiamiamo costipazione la difficoltà vissuta dal bambino a defecare e può manifestarsi in diversi modi: generando uno sforzo notevole per evacuare, provocando una diminuzione della frequenza a meno di 3 movimenti intestinali a settimana o feci secche e dure.

Questa condizione è solitamente temporanea ed è anche correlata alla digestione di alcuni alimenti specifici e al basso consumo di acqua. Vediamo di seguito come alleviare e prevenire la stitichezza nei bambini a partire dai 6 mesi.

Perché un bambino può soffrire di stitichezza?

concetto di costipazione

Quando il bambino inizia a mangiare cibi diversi dal latte materno, le feci cambiano aspetto: passano dall’essere morbide e semiliquide, ad avere una maggiore consistenza e odore.

Quando questi vengono trattenuti nel corpo, si induriscono al punto da causare disagio quando vengono evacuati. In questo momento è già possibile parlare di costipazione nel bambino, anche se la frequenza non varia.

Questo fenomeno compare solitamente dopo i 6 mesi ed è transitorio; Di solito è correlato all’inclusione di nuovi alimenti nella dieta.

Succede che il sistema gastrointestinale del bambino deve adattarsi alla digestione di cibi solidi, poiché fino ad ora gestiva solo liquidi. In questo modo si prevede una leggera diminuzione della motilità intestinale, che favorisce l’indurimento delle feci.

Inoltre, la stitichezza nei bambini può comparire quando l’alimentazione complementare è povera di fibre vegetali o liquidi. Entrambi i fattori rendono più difficile per l’intestino mobilitare il bolo fecale e, di conseguenza, viene trattenuto all’interno.

Va sottolineato che quando la stitichezza si manifesta prima dei 6 mesi di età, è necessario valutare il bambino ed escludere alcune malformazioni congenite, come l’atresia intestinale o il morbo di Hirschsprung.

Sintomi di costipazione nel bambino

Le manifestazioni di costipazione nel bambino sono facilmente identificabili e si evidenzia quanto segue:

  • Segni di disagio addominale come pianto, irrequietezza e crampi.
  • Evidente difficoltà a passare le feci: sforzo durante il passaggio delle feci, gemiti, occhi e viso arrossati o pianto per il dolore.
  • Feci grandi e dure.
  • Ritrovamento di sangue vivo nelle feci, dovuto a una fessura nella mucosa intestinale o anale.
  • Ritmo di evacuazione con meno di 3 movimenti intestinali a settimana.

Questi sintomi dovrebbero essere valutati dalla madre e prendere in considerazione la frequenza dei movimenti intestinali, le loro caratteristiche e se questo è associato all’assunzione di determinati alimenti.

Tutte queste informazioni devono essere comunicate al pediatra, in quanto serviranno da guida per arrivare alla corretta diagnosi e per pianificare l’intervento più appropriato.

Quando devo andare dal pediatra?

Si consiglia di rivolgersi al pediatra quando la stitichezza compare frequentemente nel bambino e si accentua con il passare delle settimane. Ebbene, lo specialista potrà valutare il bambino e il contesto per determinare se questa condizione è legata al cibo o se risponde a qualche patologia.

Allo stesso modo, il medico indicherà una serie di cure dietetiche e linee guida da seguire a casa a fronte di episodi di stitichezza nel bambino.

Come si può alleviare la stitichezza?

Per alleviare il disagio causato dalla stitichezza nel bambino, tieni conto dei seguenti suggerimenti:

  • Eseguire massaggi circolari sulla pancia del bambino, in senso orario. Utilizzare con una lozione o un olio come mezzo di scorrimento per attivare meglio la motilità intestinale.
  • Muovete le gambe del bambino come se stesse pedalando sulla bicicletta.
  • Fate in modo che il tuo bambino beva più liquidi, in particolare latte e acqua. Questo ti aiuterà a rimanere idratato e a migliorare il movimento intestinale.
  • Introdurre gli alimenti poco alla volta, prima in piccole quantità e poi aumentare secondo la tolleranza. È importante variare continuamente la dieta quotidiana per “educare” l’intestino.

Altre misure contro la stitichezza

  • Offrite solo gli alimenti consentiti per la loro età e rafforza l’apporto di fibre naturali di frutta e verdura. Evita di offrire mele, banane e patate. Al contrario, aumentare l’assunzione di prugne, kiwi, arance e mandarini.
  • Incorpora cereali integrali nel tuo regime, come orzo, grano intero e cereali multicereali. Inoltre, prendi l’abitudine di mangiare i legumi a casa.
  • Solo con il consenso del pediatra potete mettere una supposta di glicerina sul bambino. Ma questo sarà eccezionale e sotto la precisa istruzione dello specialista.
  • Nel caso in cui il bambino abbia una ragade anale, eseguite lavaggi con sapone antisettico e acqua fredda o tiepida. Si raccomanda anche l’uso di unguenti curativi per ridurre il disagio.

È di vitale importanza non somministrare ai bambini lassativi artificiali, clisteri o inserire oggetti nell’ano per stimolare la defecazione.

Come posso prevenire la stitichezza nel bambino?

cibo naturale stagione della frutta prevenzione della stitichezza baby plum parasol estate

Come detto sopra, la stitichezza è una condizione normale e transitoria della fase di introduzione degli alimenti solidi. Per prevenirlo, è importante che il bambino sia sufficientemente idratato e gli venga offerta una varietà di alimenti.

È comune preparare la salsa di mele per il bambino per il suo sapore ricco o le carote cotte. Tuttavia, il suo consumo costante può portare allo sviluppo della stitichezza. Pertanto, è importante includere una varietà di cibi accettati e valutare la tua risposta.

Quindi, quando la stitichezza compare dopo il sesto mese, non dobbiamo preoccuparci, perché questa è una condizione temporanea che si interrompe quando l’intestino si adatta al cambiamento. L’importante è essere pazienti e tenere conto di tutte le raccomandazioni dei professionisti.

Potrebbe interessarti ...
La stitichezza nei bambini: cause e soluzioni
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La stitichezza nei bambini: cause e soluzioni

La stitichezza nei bambini è un problema molto comune. Volete sapere in cosa consiste e come risolverlo? Continuate a leggere per scoprire come far...




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.