Aiutare un bambino con ADHD a controllare i propri impulsi

I bambini con ADHD hanno difficoltà a controllare i propri impulsi; tuttavia, possono apprendere strategie e tecniche per raggiungerlo. Ne condividiamo alcuni con te.
Aiutare un bambino con ADHD a controllare i propri impulsi

Ultimo aggiornamento: 06 agosto, 2022

L’impulsività è uno dei sintomi principali che affligge i bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Questo li porta ad avere problemi in vari ambiti della loro vita, siano essi scolastici, sociali, familiari o lavorativi. Oggi parleremo di come aiutare un bambino affetto da ADHD a controllarsi.

Tuttavia bisogna dire che non è un comportamento che si mantiene per capriccio, ma si verifica come risultato di un malfunzionamento di un’area cerebrale. Tuttavia, con alcuni suggerimenti utili, è possibile aiutare un bambino con ADHD a controllare i propri impulsi.

Il lavoro dei genitori è fondamentale, sia come guida che come supporto per il bambino nel suo processo di apprendimento. Con pazienza e perseveranza, possono insegnare e trasmettere trucchi e atteggiamenti per mantenere la calma e raggiungere l’autocontrollo che è così difficile per loro. Se tuo figlio si trova in questa situazione, ti invitiamo a continuare a leggere per imparare come aiutarlo.

Perché un bambino con ADHD dovrebbe imparare il controllo degli impulsi?

Prima di tutto, vale la pena chiarire cosa intendiamo quando parliamo di ADHD. Va notato che si tratta di un disturbo del neurosviluppo che inizia nell’infanzia ed è caratterizzato da una triade di manifestazioni tipiche :

  1. Deficit dell’attenzione.
  2. iperattività
  3. Impulsivo.

Sebbene ogni bambino sia diverso, questi ultimi due sintomi sono solitamente più presenti nei maschi e sembrano derivare dallo stesso problema: difficoltà a inibire il comportamento.

Aiutare un bambino con ADHD: quali caratteristiche li contraddistinguono?

Dunque, questi bambini hanno problemi a regolare la loro attivazione (che spesso li travolge), a controllarsi e a gestire i propri impulsi. Alcune delle manifestazioni più comuni di questa impulsività sono le seguenti:

  • Tendenza ad interrompere e incapacità di salvare il turno.
  • Difficoltà a tollerare la frustrazione e a ritardare la gratificazione. Non riescono a regolare il loro comportamento in base a ricompense a lungo termine.
  • Mancanza di riflessività e anticipazione delle conseguenze. Hanno difficoltà ad analizzare le situazioni in anticipo.
  • Problemi con istruzioni lunghe o istruzioni composte, perché mantengono solo i comandi iniziali.
  • Tendenza a correre dei rischi e ad essere sconsiderati.
  • Dicono o fanno ciò che hanno in mente, anche se è sbagliato o sfortunato.
Trattamento dell'ADHD nei bambini.
L’ADHD ha una base neurobiologica ei suoi sintomi iniziano nell’infanzia. Tuttavia, le manifestazioni cambiano man mano che il bambino cresce, sebbene non smettano di interferire con le sue attività quotidiane.

Come aiutare un bambino con ADHD a controllare i propri impulsi?

Se le descrizioni di cui sopra si adattano alla realtà di vostro figlio, ecco alcune linee guida che potreste seguire per aiutarlo a raggiungere l’autocontrollo.

1. Stabilite delle regole specifiche e chiare

Offri a tuo figlio regole e istruzioni specifiche che possono facilmente comprendere e che descrivono chiaramente cosa ci si aspetta da lui in ogni situazione.

Cercate di usare frasi brevi e concise, senza doppi significati ed evitate di fare molte affermazioni contemporaneamente. In questo modo, potrete  assicurarvi che vostro figlio abbia ascoltato e compreso la richiesta. Tuttavia, si consiglia di chiedergli di ripetere lui stesso la regola per rafforzarla.

Per quanto possibile, impostate delle linee guida in positivo. Ad esempio, “raccogli i tuoi giocattoli” è preferibile a “non lasciare tutto alle spalle”. Inoltre, siate chiari sulle conseguenze che si verificheranno se le regole verranno infrante. Vostro figlio deve sapere in anticipo quali sono le conseguenze e dovrete assicurarvi che vengano seguite quando necessario. Tenete presente che la coerenza è essenziale.

2. Instillare l’abitudine alla riflessione deliberata

I bambini con ADHD hanno grandi difficoltà a pensare prima di parlare o agire. Allo stesso modo, è difficile per loro percepire le conseguenze delle loro azioni. Pertanto, è importante aiutarli e insegnare loro ad allenare questa abilità.

Per fare questo, ogni volta che vostro figlio ha perso il controllo, prendetevi del tempo per sedervi con lui e parlare di quello che è successo.

Chiedetegli di riflettere, analizzare e dirvi cosa ha provato, perché ha fatto quello che ha fatto e quali conseguenze hanno avuto le sue azioni. Infine, incoraggiatelo a riflettere su altri modi in cui avrebbe potuto agire e su come può fare meglio la prossima volta.

Questo processo richiede maggiori sforzi di quanti non ne richieda il semplice rimprovero o dirgli come comportarsi. Tuttavia, coinvolgendolo, incoraggiandolo a giungere da solo a queste conclusioni, è più probabile che le interiorizzi e le implementi in situazioni future.

3. Provate i giochi di ruolo

Contrariamente al caso precedente, può anche essere positivo analizzare le situazioni prima che accadano. Questa riflessione preventiva consentirà al bambino di avere un’idea di cosa accadrà e di come può agire.

Quindi, prima di un evento (ad esempio, andare a un compleanno), parla di cosa accadrà lì e quali situazioni possono verificarsi in quel luogo. Questo ti aiuterà ad anticipare i problemi che potrebbero sconvolgerti o farti perdere il controllo e trovare strategie per evitare questo risultato.

Inoltre, potete svolgere prove a casa su diverse situazioni quotidiane e sui modi in cui dovresti agire in ognuna di esse. I burattini sono una buona opzione per rappresentare questa prova, ma puoi anche eseguire giochi di ruolo e ognuno rappresenta i ruoli.

4. Date importanza all’educazione emotiva in casa vostra

L’impulsività è un’incapacità di regolare l’attivazione interna e quindi il bambino ha bisogno di imparare a relazionarsi con le proprie emozioni, percepirle, capirle e gestirle. A tal proposito, uno strumento molto utile per raggiungere l’autoregolazione è il termometro emotivo. Questo elemento di fantasia permette al bambino di misurare il grado di intensità dell’emozione che prova e decidere come agire caso per caso.

Ad esempio, se l’emozione diventa gialla, dovresti riflettere sull’opzione migliore prima di agire e se diventa rossa, dovresti fermarti immediatamente e calmarti.

bambino yoga meditare relax
Le tecniche di meditazione e rilassamento sono buone strategie per promuovere il controllo degli impulsi nei bambini con e senza ADHD. Implementali nella routine quotidiana e verifica di persona.

5. Aiutare un bambino con ADHD: optare per le tecniche di rilassamento

Le tecniche di rilassamento sono uno strumento eccellente per aiutare un bambino con ADHD a controllare i propri impulsi. Esistono varianti adatte ai bambini che sono semplici e divertenti e possono essere utilizzate da un bambino quando sente l’impulso o l’eccitazione sopraffarlo.

Inoltre, se le pratichi regolarmente, ogni giorno noterai che sei molto più calmo e che è più facile percepire i momenti in cui le emozioni crescono di intensità.

6. Monitorate e rinforzate i comportamenti di vostro figlio con l’ADHD per aiutarlo a controllare i suoi impulsi

Al di là di tutto quanto sopra, è molto importante che i genitori possano monitorare il comportamento del bambino e offrire feedback e guida in ogni momento.

Fino a quando non imparerà a gestire in modo indipendente, dovrà essere ricordato alle regole ed esortato a riflettere o calmarsi. Essere pazienti e perseveranti è essenziale.

Infine, ricorda di rafforzare ogni risultato e progresso di tuo figlio. Tieni presente che questi piccoli hanno difficoltà a concentrarsi sul lungo termine, quindi trovate degli obiettivi secondari che possono raggiungere e ricevi incoraggiamento ed elogi prima di padroneggiare il comportamento finale. Con il tuo aiuto, potranno acquisire gli strumenti giusti e gestire molto meglio l’impulsività.

Potrebbe interessarti ...
Come educare bambini indipendenti e responsabili
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come educare bambini indipendenti e responsabili

È importante educare dei bambini indipendenti e responsabili. La scienza fornisce ai genitori una serie di preziosi suggerimenti. Eccone alcuni.



  • Quintero, J., & Castaño de la Mota, C. (2014). Introducción y etiopatogenia del trastorno por déficit de atención e hiperactividad (TDAH). Pediatría integral18(9), 600-608.
  • Sánchez Gómez, M., & Adelantado Renau, M. (2019). El termómetro emocional: una
    herramienta educativa para facilitar la comprensión de emociones. Publicaciones didácticas, 105 pp. 301-305. Recuperado de
    http://repositori.uji.es/xmlui/bitstream/handle/10234/183167/64308.pdf?sequence=1&is
    Allowed=y