Nascondere situazioni difficili ai bambini: perché è meglio non farlo?

Di fronte a una situazione familiare complicata, tenere i minori in disparte può generare diffidenza e ostacolare il loro sviluppo emotivo. Ti diciamo perché non dovresti nascondere ciò che sta accadendo ai bambini.
Nascondere situazioni difficili ai bambini: perché è meglio non farlo?

Ultimo aggiornamento: 24 novembre, 2022

Sfortunatamente, la vita non è sempre facile o giusta. Tutti gli individui e le famiglie, a un certo punto, possono attraversare fasi difficili, difficili da gestire anche per gli adulti. Quindi, nel tentativo di preservare l’innocenza e la tranquillità dei più piccoli, potremmo essere tentati di tenerli da parte e non condividere ciò che sta accadendo. Tuttavia, oggi vogliamo dirvi perché è importante non nascondere le situazioni difficili ai bambini.

Ci sono varie esperienze che possono metterci di fronte a questo dilemma. Ad esempio, una grave malattia, una morte in famiglia, un licenziamento, un divorzio o una separazione. Insomma, situazioni avverse che possono provocare dolore e preoccupazione, ma che inevitabilmente colpiscono i figli come parte del nucleo familiare.

Come possiamo gestirli senza nascondere loro ciò che sta accadendo, ma senza causare loro danni inutili? Scopriamolo insieme.

Ecco perché non dovreste nascondere situazioni difficili ai bambini

Innanzitutto è comprensibile che abbiate pensato di tenere i bambini fuori dal conflitto in atto. Sappiamo che lo fate con le migliori intenzioni e nel tentativo di evitare loro una sofferenza. Tuttavia, la decisione che state prendendo a riguardo può influenzare la relazione con vostro figlio e anche il suo sviluppo emotivo. Per questo motivo, affinché possiate decidere con le informazioni in vostro possesso, vi raccontiamo cosa succede quando le situazioni difficili vengono nascoste ai bambini.

La preoccupazione aumenta

Anche se pensiamo che nascondendo le informazioni li proteggeremo dalla preoccupazione, la verità è che possiamo persino aggravarla. Teniamo presente che i bambini sono molto perspicaci e si renderanno conto che qualcosa sta accadendo.

I minori noteranno i cambiamenti derivati dal problema nella loro quotidianità e nella loro routine. Allo stesso modo noteranno lo stato d’animo dei genitori, che possono essere più tristi, più irritabili o più assenti di prima. Forse non sapranno perché, ma sapranno che ora è tutto diverso e questo li porterà a cercare spiegazioni.

Pertanto, in questa ricerca, potrebbero concludere di essere la causa del problema e sviluppare un grande senso di colpa. Inoltre, potrebbero preoccuparsi più del dovuto immaginando alcune possibili spiegazioni catastrofiche che sono molto lontane dalla realtà.

Nascondere ai bambini i problemi.
Anche se nascondiamo al bambino di essere stati licenziati dal lavoro o che c’è un altro problema, si accorgerà che sta succedendo qualcosa, poiché è molto perspicace, e questo potrebbe influenzarlo molto di più.

La fiducia ne risente

Un legame sano e solido con i bambini richiede che ci sia fiducia da entrambe le parti. Nascondendo loro la verità, possiamo danneggiare quella fiducia. Quando scoprono cosa sta succedendo e sanno che gli abbiamo mentito, potrebbero sentirsi traditi.

Ma questa sensazione può manifestarsi anche se percepiscono solo che evitiamo l’argomento o che offriamo spiegazioni zoppe. Se i piccoli sentono che non ci fidiamo di loro per condividere la verità, non si fideranno neanche di noi.

L’iperprotezione non è la strada giusta

D’altra parte, è importante considerare che non sempre saremo in grado di proteggerli e che la vita porterà loro inevitabilmente situazioni complicate. Pertanto, possiamo sfruttare questa opportunità per aiutarli a sviluppare la resilienza e insegnare loro come gestire le proprie emozioni nei momenti difficili. Indubbiamente, questa sarà una lezione molto preziosa di cui li priveremo nascondendo loro la realtà.

Cosa possiamo fare invece di nascondere le situazioni difficili ai bambini?

Come puoi vedere, nascondere situazioni difficili ai bambini non è la migliore politica. Ma è importante cercare di evitare il più possibile la loro sofferenza. Per questo, dobbiamo sapere come gestire la comunicazione con loro. Ecco alcune preziose linee guida al riguardo.

Dire la verità nel modo giusto

Dobbiamo scegliere le parole appropriate in base all’età e alla maturità del bambino. La chiave è dire sempre la verità, ma non fornire informazioni inutili che potrebbero confonderli o sopraffarli. In altre parole, creare un discorso che li informi in modo concreto su ciò che sta accadendo e su come influisce sulla famiglia e su se stessi.

Scegliete un luogo privato e un momento intimo in cui i genitori possano comunicare la notizia con calma e da vicino. Assicuratevi che vostro figlio non sia eccessivamente stanco, affamato o irritabile in quel momento ed eliminate tutte le distrazioni, come la TV. Inoltre, soprattutto con i più piccoli, è importante guardarli negli occhi e offrire un contatto fisico, come stringere la mano.

Mostrare emozioni

È importante dare la notizia con calma, poiché il bambino non dovrebbe vederci totalmente sopraffatti o fuori controllo. Tuttavia, è positivo esprimere le nostre emozioni e condividere con lui la nostra preoccupazione o la nostra tristezza. Questo lo aiuterà a vedere che è naturale sentirsi in questo modo e genererà un’intimità emotiva molto benefica tra le due parti.

Di fronte a un problema, è meglio dire al bambino cosa sta succedendo e permettergli di esprimere le sue emozioni e dare la sua opinione al riguardo.

Consentire l’espressione dei bambini

Dopo aver comunicato ciò che sta accadendo, dobbiamo dare loro uno spazio per esprimersi, magari per porre domande su qualche aspetto che li preoccupa o necessita di chiarimenti. Ma, soprattutto, perché possano esprimere le proprie emozioni.

Se in loro sorgono paura, tristezza o rabbia, se scoppiano in lacrime o sono arrabbiati, il compito degli adulti sarà quello di accompagnare quelle emozioni. Molte volte limitiamo i bambini dicendo loro che non è un grosso problema o che dovrebbero essere forti, ma è essenziale convalidare i loro sentimenti.

Costruire la resilienza

Tuttavia, quanto sopra non significa che lasciamo i bambini in balia del loro disagio. È il momento ideale per insegnare loro a gestire le proprie emozioni. Ad esempio, possiamo incoraggiarli a dipingere o scrivere per incanalare il loro disagio, aiutarli a dare un nome a ciò che provano e modellare un atteggiamento ottimista per loro.

Il modo in cui vedono i loro adulti di riferimento affrontare le avversità sarà interiorizzato come proprio e utilizzato anche da loro.

La famiglia è una squadra: non nascondere situazioni difficili

Infine, è bene far sentire i bambini coinvolti non solo nel problema, ma anche nella soluzione. Ascoltare le loro idee per migliorare la situazione familiare può farli sentire preziosi, utili e importanti e rafforza il loro senso di appartenenza. Ad esempio, se cenano fuori ogni venerdì, il minore può proporre di fare hamburger fatti in casa per risparmiare dopo essere stato licenziato.

Tuttavia, dovrebbero sempre essere chiari sul fatto che non è compito loro preoccuparsi di risolvere il problema e che gli adulti si prenderanno cura di loro e li proteggeranno. Caricarli di un peso che non dovrebbero portare, come dover rallegrare i genitori dopo il divorzio, può essere molto dannoso.

Invece di nascondere situazioni difficili ai bambini, crea un’opportunità di apprendimento

Insomma, anche se è difficile condividere con i bambini la verità di certe situazioni, è l’alternativa migliore. Ciò rafforzerà la fiducia, permetterà loro di capire cosa sta succedendo intorno a loro e sarà un’opportunità per diventare più forti ed emotivamente più intelligenti.

La resilienza, l’ottimismo, la capacità di appoggiarsi ai propri cari, tra l’altro, sono strategie indispensabili per affrontare il dolore e le avversità per tutta la vita. Questo potrebbe essere un buon momento per trasmetterle a vostro figlio.

Potrebbe interessarti ...
Sviluppare la resilienza nei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Sviluppare la resilienza nei bambini

Sviluppare la resilienza nei bambini rappresenta una risorsa importante per godere di una vita più sana. Vediamo come riuscirci.



  • Christ, G. H., & Christ, A. E. (2006). Current approaches to helping children cope with a parent’s terminal illness. CA: A Cancer Journal for Clinicians56(4), 197-212. Disponible en: https://acsjournals.onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.3322/canjclin.56.4.197
  • Olineck, K. M., & Poulin-Dubois, D. (2009). Infants’ understanding of intention from 10 to 14 months: Interrelations among violation of expectancy and imitation tasks. Infant Behavior and Development32(4), 404-415.